SCRITTA CIRCOLO POPOLARE ARTICO.png

tre episodi di vertigine polare

In quest’epoca che vede sciogliersi insieme al senso etico anche la terra dei ghiacci, Gli Omini si spingono ai margini del mondo e si addentrano nell’Artico. Più precisamente nel Nord Est della Groenlandia, tra i cacciatori anarchici dei racconti di Jørn Riel, antropologo, viaggiatore e narratore danese.
Nei suoi anni passati in Groenlandia tra i cacciatori solitari e gli iceberg, Riel scrive, per sopravvivere alla lunga notte, una serie di skrøner, storielle, aneddoti, cronache buffe, racconti di minuta leggendarietà quotidiana, verità che sembrano menzogne e menzogne che diventano verità. Storie che s'intrecciano in una saga popolata da 15 uomini e 92 cani. 15 cacciatori antieroici, filosofi e buffoni, animali selvatici gonfi d’alcool e maleodoranti. 15 uomini che formano una nuova società in cui è bandito ogni tipo di moralismo, sottomessa solo alla potenza della natura, guidata da tacite ma chiarissime leggi. Circolo Popolare Artico è il manifesto sregolato di un uomo che fatica a stare al passo con il mondo e non trova altra via che costruirne un altro, artico.

 

EPISODIO UNO: PROVE DI RESISTENZA Gli Omini e Eleonora Spezi

EPISODIO DUE: LA BUFERA Gli Omini e Tony Clifton Circus

EPISODIO TRE: LA VERGINE FREDDA Gli Omini e Paola Tintinelli

Le foto di Circolo Popolare Artico sono di Lorenzo Gori


scheda artistica