SCRITTA TRUCIOLI.png

Il lavoro mi aiuta. Penso al legno, a quale scegliere, che non si rompa, a come prenderlo.

Lo so come prendere il legno, questa materia quasi viva. Le persone sono tutta un’altra cosa.

 

Così ci disse un falegname sul Monte Amiata. E si confessò.

Siamo gli stranieri, gli sconosciuti che passano e t’ascoltano, privi di giudizio, sciolti da ogni legame. La liberazione di chi abita in un piccolo paese e pensa, spesso a ragione, che tutti lo osservino e traggano le proprie conclusioni.

Con questo ruolo, tra il santone e il barbone, abbiamo raccolto un'enciclopedia d'incontri casuali, di racconti assurdamente reali, di lingue inconsuete.

Trucioli. Scarti, pezzetti leggeri che quando volano, lasciano polvere al proprio passaggio. 

Trucioli, uno spettacolo di frammenti sparsi altamente infiammabili.

Minuscole scene di minuscoli personaggi, per ricostruire un’Italietta in miniatura, tutta abitata dai più piccoli. Due attori e una valanga di voci, storie, caratteri, in uno spazio che è una casa, una strada, un’intera città.

Per riscaldarsi e sporcarsi sotto una cascata di trucioli.

Trucioli è in lavorazione, per ora è stato mostrato solo ai soci de Gli Omini, ha fatto il suo primo studio a La Segheria. 


scheda artistica